House of cards

Rit.:
Ambitious mind
Keeps the secrets in a store
and for a while lives in fancy like a dog
Ambitious mind living like a dog
Ambitious mind ambitious mind

 




 

My grave

lovely night
let me see your eyes
the holy sky
Open my mind
let me feel the time – inside
I want building my grave
I feel in myself the dark inside
Dream like a modern child
hidden deep inside
And you let me see your face
your pale face
So please show me your dark side
your secret black light





 

Apri le tue mani
e nudi esponi i tendini
e il sangue,
che acqua non essendo
l’acqua in rosso tinge
allora che alla fonte
degli occhi tuoi m’appresso.
Aprimi il tuo cuore
se hai cuore di parlarmi,
ché di parlare è tempo
di ritrovare il tempo.
E se nel petto è muta
la voce che io anelo,
apri la tua mente
che mente ma non tace.
Era come
un miraggio
del suo volto
l’aspetto. Una
stella polare su
nel cielo scurito.
Eccitante la vista
della luce riflessa
sulla fronte di seta
come rosa odorosa.
Io ti proteggerò
da ciò che ti spaventa,
da quello che i tuoi occhi
non vogliono vedere.
Perché ci sono ombre
che nutrono fantasmi
e presto imparerai
a scorgerne i contorni.
E non dovrai subire
il peso delle offese
perché ti mostrerò
le armi di difesa.
A vent’anni il mio girovita era di settanta centimetri. A trenta superava abbondantemente i novanta. Oggi il metro non basta più.
Eppure continuo a sentirmi bella, la più bella. È soltanto una sensazione, un’idea non avvalorata dai responsi tutt’altro che incoraggianti dello specchio, ma perfino con la mia stazza attuale mi sento una donna affascinante e con parecchie carte da giocare al tavolo della seduzione.
“Nessun amore è più sincero dell’amore per il cibo”. Sono parole di George Bernard Shaw, ma sono certo che non avrebbero stonato in bocca a mia moglie, magari assieme a un paio di bignè, di quelli al cioccolato.
Giada, mia moglie, la donna della mia vita, iniziò a ingrassare a causa di una triste fatalità e, a causa della stessa triste fatalità, sostituì la sua innata passione per la bella vita con quella, forse un tantino più pragmatica, per il cibo, meglio se grasso e ad alto contenuto calorico.